Viaggi bici in solitaria

Raggiungo Lima per il Capodanno - giorno 333
da Playa de Rosario de Asia a Lima - Sabato, 31 Dicembre 2011
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
112 km
07:15 - 16:45
6 h 49 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

25° min - 36° max.
16.3 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
837 mt
218 mt
asfalto

Ultimo sforzo...111km a Lima e finalmente potrò riposarmi per qualche giorno.

Il percorso poco prima di Lima è brutto e trafficatissimo.
Raggiunta la periferia della capitale rischio per ben 3 volte di essere messo sotto da un veicolo.
La prima volta quando tento di prendere un'uscita differente dell'autopista obbligatoria, unico modo di entrare a Lima...nessun veicolo rallenta di 1km/h ed il flusso è ininterrotto.
La seconda volta mentre mi affianco ad un veicolo, questo cerca di superare la macchina di fronte, ovviamente senza guardare che passasse qualcuno. Si ferma di botto a 2cm dalla mia gamba.
La terza volta è colpa mia, non avendo visto il segnale del poliziotto che mi intimava di fermarmi ad un incrocio senza semafori (optional in Perù).

Raggiungo il centro storico e trovo alloggio in un ostello all'interno di un bel edificio d'epoca (un po' decadente), con decine di busti in stile romano (alcune teste sono alte 2 metri), specchi dappertutto e sulla terrazza piante rampicanti, pappagalli, pavoni e tartarughe.

La notte del 31 mi aspettavo qualche spettacolo nella capitale peruviana, città da 9 milioni di abitanti.
Bè sono rimasto deluso...nessun concerto o spettacolo all'aperto e pochi semplici fuochi artificiali, lanciati prettamente dagli stessi cittadini.

La costa prima di Lima è piena zeppa di spiagge Ultimi chilometri di autopista prima di Lima
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
Verso Lima - giorno 332
da Chincha Alta a Playa de Rosario de Asia - Venerdi, 30 Dicembre 2011
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
97 km
08:15 - 18:20
7 h 9 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

20° min - 26° max.
13.5 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
750 mt
203 mt
asfalto

Da Chincha Alta riparto in direzione Lima, che dista ancora 210km.

Dopo pochi chilometri inizio ad avere nuovamente dolori di stomaco. Fortunatamente non devo proseguire molto ed incontro un pedaggio stradale con accanto un pronto soccorso e delle ambulanze.
Mi fanno un controllo veloce e mi dicono di prendere degli antibiotici e di idratarmi, perchè secondo loro sono disidratato.

Con i crampi allo stomaco riparto per il nord.
La giornata è come sempre ventosa e dopo poco tempo mi ritrovo totalmente ricoperto di sabbia.

La Panamericana verso Lima è una autopista (autostrada) a 2 corsie per direzione e con sommo sollievo c'è anche una bella e larga corsia d'emergenza, che posso usare tranquillamente.

Verso sera e dopo aver percorso 94km raggiungo Rosario de Asia, dove riesco ad accamparmi su una spiaggia pubblica, con famiglie e giovani del posto che passeranno qui l'anno nuovo.

Nell'appoggiare la bici sulla sabbia, mi si spezza il cavalletto saldato a La Paz...

Per montare la tenda mi cerco un posto libero da altre persone, sperando di riuscire a domire la notte.
Verso le 2 del mattino, mentre stavo dormendo, inizio a sentire ragazzi che cantano a squarciagola e musica ad alto volume, che ovviamente mi fanno dormire sonni inquieti.
La mattina, uscendo dalla tenda, mi trovo letteralmente circondato da 6-7 tende, dei ragazzi (attorno ai 20-25 anni) che eran stati svegli fino alle 5 del mattino.
Ovviamente sono totalmente sbronzi...alcuni vomitano, altri discutono animatamente al limite della rissa ed altri sono andati a dormire.
Mi verrebbe voglia di mettere una bella canzone death metal...

Lasciato Chincha Alta entro nell'autopista (autostrada) che porta a Lima
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
Islas Ballestas - giorno 331
da Paracas a Chincha Alta - Giovedi, 29 Dicembre 2011
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
57 km
12:30 - 18:00
3 h 21 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

25° min - 33° max.
16.9 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
350 mt
113 mt
asfalto

La mattina mi sento un po' meglio, dopo aver preso una tachipirina (anche se non ho la febbre...).

La visita alle Islas Ballestas non costa tantissimo (10€ per 2 ore), ma a mio avviso è molto frettolosa.
Centinaia di persone si accalcano sul molo per salire su grandi barche a motore da 50 posti.
Ogni lato ha 2 file di seggiolini ed io mi siedo sul lato esterno, per avere una visuale migliore del mare e per non trovarmi qualche testa di turista nell'obbiettivo.
Ovviamente delle 50 persone a bordo, tutte sono coppie o famiglie che occupano perfettamente i loro posti, tranne 2 persone sfigate, che hanno scelto di stare entrambe sul lato dell'acqua...una di queste sono io!
L'unica coppia rimasta senza posti a sedere, si lamenta con l'equipaggio che hanno pagato per stare seduti VICINI ed ovviamente tra le 2 persone singole, chiedono proprio a me di spostarmi...

La visita passa per queste isole considerate delle piccole Galapagos.
La puzza del guano (escrementi di uccelli) è davvero insopportabile, decisamente peggio della puzza di spazzatura o dei cessi degli autogrill, un odore difficilmente descrivibile.
Nelle isole hanno trovato casa migliaia di uccelli, tra pellicani, cormorani e gabbiani, i pinguini di Humboldt, gruppi di otarie e leoni marini e delfini (che però non ho visto).

Prima di raggiungere le isole passiamo per una figura disegnata sul lato di una enorme duna di sabbia, non si sa da chi e quanto tempo fa, la famosa Candelaria (Candelabro).

Il pomeriggio approfitto per partire e fare chilometri verso Lima.
Poco prima di Chinca Alta ho dei problemi alla bici...mi si rompo un raggio che buca la gomma posteriore (5 volta in 11.000km).
Passo 1 ora a sistemare la bici (smontare tutto, montare una nuova camera d'aria e tirare un po' gli altri raggi) e quindi sono costretto a fermarmi anticipatamente nella medesima Chincha Alta.

Pescatori (Islas Ballestas) Pescatori Coppia di giovani pescatori passano per le Islas Ballestas Uno dei numerosi ponti usati dai raccoglitori di guano (escrementi di uccelli) Altra otaria sulle Islas Ballestas Un gruppo di pellicani Una otaria riposa sulle Islas Ballestas Gruppo di uccelli sulle Islas Ballestas Alcuni pinguini di Humboldt Il Candelabro
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
Lascio la Oasi di Huacachina per Paracas - giorno 330
da Huacachina a Paracas - Mercoledi, 28 Dicembre 2011
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
85 km
08:45 - 16:30
6 h 13 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

27° min - 33° max.
13.7 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
459 mt
455 mt
asfalto

La mattina prima di partire visito l'Oasi di Huacachina.

E' incredibile come pochi chilometri fuori da una città grande come Ica, ci sia un'oasi circondata da dune enormi di sabbia, neanche fossimo nel Sahara.

Huacachina è un villaggio di 200 abitanti che vive solo di turismo e che è sorto attorno ad una laguna circondata da immense dune di sabbia.
Il posto è davvero bello e si può praticare il sand boarding, la discesa per le dune di sabbia con delle tavole di plastica, però come spesso accade la zona è molto sporca.

Lasciata Huacachina mi informo in Ica sui prezzi dei bus per Cuzco, dove vorrei passare il Capodanno.
Bè non pensavo fossero così alti, quasi 78€ per passaggio più trasporto bici.
Decido quindi di andare a Paracas per vedere le Islas Ballestas e poi proseguire in bici a Lima ed aspettare che scendano i prezzi.

Pranzo in un chiosco al lato della strada, poco dopo un pedaggio e faccio conoscenza di alcuni tipi curiosi, ma poco raccomandabili, che mi parlano di quanto costa andare a prostitute, che mangiano gatti a colazione ed inoltre mi offrono un passaggio gratis su un camion per Cuzco...ovviamente diclino l'offerta.

Raggiungo Paracas e trovo l'alloggio più economico disponibile in questi giorni di festa...
Mi sento ancora poco bene, questa volta fiacchezza e sudori freddi, ma non ho la febbre.

Campi verso Paracas Raggiunti gli 11.000km Una città nel deserto Huacachina Dune infinite nei pressi di Huacachina La laguna di Huacachina circondata dalle dune Laguna di Huacachina In Huacachina la mattina
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
150km da Nazca a Ica fino a Huacachina - giorno 329
da Nazca a Huacachina - Martedi, 27 Dicembre 2011
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
153 km
07:15 - 19:30
9 h 7 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

25° min - 44° max.
16.7 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
1547 mt
647 mt
asfalto

Lunghissima giornata, ma voglio assolutamente raggiungere l'oasi di Huacachina.
154km da Nazca a Ica ed infine Huacachina.

Tappa noiosa con rettilinei infiniti. Giungo la sera al buio ed in Huacachina chiedo ai poliziotti di montare la tenda di fronte alla loro comisaria.

Lunghissimo rettilineo per Ica Lunga salita dopo Palpa Campi coltivati nel deserto peruviano Attraverso alcune oasi abitate (Rio Grande, dopo Palpa) Riparto da Nazca per Ica
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
Linee di Nazca - giorno 328 Lunedi, 26 Dicembre 2011
Primo Natale lontano da casa - giorno 327 Domenica, 25 Dicembre 2011
Arrivo a Nazca - giorno 326 da Puerto Lomas a Nazca - Sabato, 24 Dicembre 2011
Puerto Lomas - giorno 325 da Playa Inca a Puerto Lomas - Venerdi, 23 Dicembre 2011
Deserto del sud peruviano e Playa Inca - giorno 324 da Playa Quebrada Honda a Playa Inca - Giovedi, 22 Dicembre 2011
Prima notte accampato sulla spiaggia - giorno 323 da Camanà a Playa Quebrada Honda - Mercoledi, 21 Dicembre 2011
Raggiungo l'oceano pacifico peruviano - giorno 322 da El Pedregal a Camanà - Martedi, 20 Dicembre 2011
L'ennesimo malore mi obbliga a prendere un bus per El Pedregal - giorno 321 da Cruz del Condor a Cabanaconde - Lunedi, 19 Dicembre 2011
Canyon del Colca - giorno 320 da Chivay a Cruz del Condor - Domenica, 18 Dicembre 2011
Viaggio a Chivay e 4900m del mirador dei 3 vulcani - giorno 319 da Puesto Patahuasi a Chivay - Sabato, 17 Dicembre 2011
Ritardo la partenza per il Canyon del Colca - giorno 318 Venerdi, 16 Dicembre 2011
Monasterio de Santa Catalina - giorno 317 Giovedi, 15 Dicembre 2011
Le mummie di Arequipa - giorno 316 Mercoledi, 14 Dicembre 2011
Primo giorno in Arequipa - giorno 315 Martedi, 13 Dicembre 2011
Arrivato ad Arequipa - giorno 314 da Imata a Arequipa - Lunedi, 12 Dicembre 2011
Prima nevicata a quota 4460m, nuovo record di altitudine e 10.000km - giorno 313 da Campo dopo Santa Lucia a Imata - Domenica, 11 Dicembre 2011
Si parte per Arequipa - giorno 312 da Juliaca a Campo dopo Santa Lucia - Sabato, 10 Dicembre 2011
Chullpas di Sillustani - giorno 311 da Puno a Juliaca - Venerdi, 09 Dicembre 2011
Islas flotantes degli Uros - giorno 310 Giovedi, 08 Dicembre 2011
Giornata di riposo in Puno - giorno 309 Mercoledi, 07 Dicembre 2011
Raggiungo Puno - giorno 308 da Campo dopo Juli a Puno - Martedi, 06 Dicembre 2011
Entro in Perù - giorno 307 da Copacabana a Campo dopo Juli - Lunedi, 05 Dicembre 2011
Ultimo giorno in Bolivia - giorno 306 Domenica, 04 Dicembre 2011
Isla del Sol - giorno 305 Sabato, 03 Dicembre 2011
Parto per la Isla del Sol - giorno 304 da Copacabana a Isla del Sol - Venerdi, 02 Dicembre 2011
Copacabana - giorno 303 Giovedi, 01 Dicembre 2011
Giorno n°
Paese
Stato
Località
Pros. tappa
Dist. totale
#966
Messico
Oaxaca
Oaxaca
Italia
29309 km
flickr mappa live google mappa live
immagine meteo
16° C
San Cristobal De Las Casas,Mexico
01.06.2017 - 03:46 AM
Vento: 4 km/h da SW
Umidità: 93%
Visibilità: 13 km
Precipitazione: 4.0 mm
Pressione: 1010 mb
% nuvole: 81%
vai a worldweatheronline.com
statistiche