Viaggi bici in solitaria

Raggiungo Castilletes, nel parco Tayrona - giorno 638
da Mingueo a Parque Nacional Tayrona - Mercoledi, 31 Ottobre 2012
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
69 km
05:30 - 12:11
4 h 19 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

26° min - 37° max.
15.9 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
361 mt
112 mt
asfalto

Lasciata Mingueo vedo in lontananza le vette innevate della Sierra Nevada de Santa Marta, l'incredibile massiccio montuoso costiero (grande come il Veneto), i cui picchi più alti raggiungono 5775 mt.

Questo tratto di strada è bellissimo, la costa caraibica è bordata da pareti rocciose, da dove scendono diversi fiumi fino alle splendide spiagge di sabbia bianca.

Nelle vicinanze di Palomino si ha una splendida vista della Sierra Nevada sopra un fiume. Nei pressi vedo attraversare la strada un ragno enorme, forse una tarantola...la prima che ho modo di vedere!

Poco dopo raggiungo l'entrata del Parque Nacional Natural Tayrona e la spiaggia di Castilletes, dove monto la tenda.

Lungomare della spiaggia di Castilletes in Tayrona I classici cocchi Raggiungo la spiaggia di Castilletes nel parco di Tayrona Un fiume raggiunge il mare caraibico Uno dei tanti fiumi che scendono dalla Sierra Nevada de Santa Marta Lungomare caraibico Caraibi Strada per Tayrona Costa caraibica dopo Palomino Una tarantola mi taglia la strada Vista della Sierra Nevada de Santa Marta dal rio Palomino La parte innevata e più alta della Sierra Nevada de Santa Marta Vista delle prime montagne della Sierra Nevada de Santa Marta
aggiungi un commento | vai ai commenti (2)
Riohacha e il Caribe - giorno 637
da Riohacha a Mingueo - Martedi, 30 Ottobre 2012
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
86 km
09:30 - 17:10
5 h 9 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

23° min - 37° max.
16.7 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
167 mt
40 mt
asfalto

La mattina, prima di partire per il sud ovest, passo qualche momento sul lungomare di Riohacha.

Riohacha, 175 km a nord-est di Santa Marta, è la porta d'accesso al deserto semi-arido che occupa la punta estrema della Colombia e per tradizione finisce qui il paese.
Oltre al centro abitato inizia infatti un magico ambiente di natura selvaggia e paesaggi polverosi in cui a dettare legge sono i contrabbandieri con le loro mercanzie provenienti dal Venezuela e i fieri indigeni guajira o wayuu.

Scatto qualche foto al bel molo pedonale, lungo 1.2km e poi riprendo il cammino per sud-ovest.
Verso l'ora di pranzo raggiungo il Santuario de Flora y Fauna Los Flamencos, nei pressi del villaggio wayuu di Camarones e della sua bellissima spiaggia.

Nelle prime ore del pomeriggio inizia a piovere e non smette fino al tramonto, quando raggiungo il villaggio di Mingueo.
Qui trovo una piccola tettoia, accanto ad una bancarella chiusa e chiedo il permesso di montare la tenda per la notte.

Casa Wayuu Case wayuu in Camarones Ragazzine wayuu passeggiano sulla spiaggia di Camarones Camarones Canoa Vegetazione sulla spiaggia di Camarones Un ibis si abbevera in una laguna de Los Flamencos nei pressi del villaggio di Camarones Artesania wayuu Riohacha Il lungo molto di Riohacha Monumento alla cultura indigena in Riohacha Lungomare di Riohacha Barche ormeggiate in Riohacha
aggiungi un commento | vai ai commenti (4)
Addio Punta Galllinas - giorno 636
da Maicao a Riohacha - Lunedi, 29 Ottobre 2012
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
96 km
08:25 - 16:58
6 h 36 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

27° min - 37° max.
14.4 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
237 mt
81 mt
sterrato + asfalto

La mia intenzione era raggiungere Punta Gallinas, il punto più a nord della Colombia e dell'intero Sud America, ma purtroppo ho dovuto abbandonare.

Appena fuori Maicao taglio a nord per la strada sterrata che porta a Uribia, la "capitale" degli indigeni wayuu e porta d'accesso all'Alta Guajira, Cabo de la Vela e Punta Gallinas.
Dopo 7 chilometri di sterrato orrendo, con pozze fangose enormi piene di zanzare, l'unica alternativa era spingere la bici per decine di chilometri e nei giorni successivi incontrare le medesime condizioni...non ne vale la pena.

Decido dunque di ritornare all'incrocio della strada asfaltata e tirare dritto a Riohacha, sulla costa caraibica.

Donna wayuu cammina al lato della strada Donna wayuu verso Riohacha Una ciènega verso Uribia Il percorso completamente  allagato per Uribia
aggiungi un commento | vai ai commenti (2)
Maicao - giorno 634
da Albania a Maicao - Sabato, 27 Ottobre 2012
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
53 km
06:30 - 10:00
2 h 56 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

26° min - 35° max.
17.8 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
146 mt
131 mt
asfalto

Da Albania percorro i 50km a Maicao, la città di frontiera al Venezuela.

Maicao è forse una delle cittadine più brutte che abbia visto dall'inizio del viaggio. Case fatiscenti, strade sporchissime che diventano deserte la notte. Pare essere un centro con molti musulmani, perchè la sera si sente la voce di una preghiera islamica da qualche moschea ed i canali televisivi sono perlopiù Al Jazeera ed altri di lingua araba.

Inoltre vige quasi sempre questa regola, più il posto è brutto e cencioso, più è caro (alloggi, lavanderia...).

Campi nella bassa guajira
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
La Guajira - giorno 633
da Rio Seco a Albania - Venerdi, 26 Ottobre 2012
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
115 km
08:51 - 17:25
6 h 2 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

30° min - 36° max.
18.9 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
400 mt
293 mt
sterrato + asfalto

Altra tappa lunga, calda e afosa.
Da Rio Seco seguo la strada che mi porta a San Juan del César, che a dispetto del nome appartiene a La Guajira e non a César.
Supero in successione i brutti paesini di Fonseca, Barrancas, Hato Nuevo ed infine raggiungo Albania, un centro importante per l'estrazione del carbone, a soli 50km da Maicao.

Campi di riso Contadino lavora nei campi Bel fiume prima di San Juan del Cèsar Dopo Rio Seco vedo in lontananza le montagne della Sierra Nevada de Santa Marta
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
20000 km - giorno 632 da Bosconia a Rio Seco - Giovedi, 25 Ottobre 2012
Raggiungo Bosconia - giorno 631 da Mompox a Bosconia - Mercoledi, 24 Ottobre 2012
Mompox - giorno 629 Lunedi, 22 Ottobre 2012
Mi avvicino a Mompox - giorno 623 da Pelaya a El Banco - Martedi, 16 Ottobre 2012
Pelaya - giorno 622 da San Alberto a Pelaya - Lunedi, 15 Ottobre 2012
San Alberto - giorno 621 da Bucaramanga a San Alberto - Domenica, 14 Ottobre 2012
Bucaramanga - giorno 620 Sabato, 13 Ottobre 2012
Canyon del Rio Chicamocha - giorno 616 da San Gil a Bucaramanga - Martedi, 09 Ottobre 2012
Barichara e guane - giorno 613 Sabato, 06 Ottobre 2012
San Gil - giorno 612 Venerdi, 05 Ottobre 2012
Dormire con acqua nella tenda - giorno 611 da Campo prima di Oiba a San Gil - Giovedi, 04 Ottobre 2012
Riparto per San Gil - giorno 610 da Villa de Leyva a Campo prima di Oiba - Mercoledi, 03 Ottobre 2012
Una foto notturna di Villa de Leyva - giorno 608 Lunedi, 01 Ottobre 2012
Giorno n°
Paese
Stato
Località
Pros. tappa
Dist. totale
#966
Messico
Oaxaca
Oaxaca
Italia
29309 km
flickr mappa live google mappa live
immagine meteo
16° C
San Cristobal De Las Casas,Mexico
01.06.2017 - 03:46 AM
Vento: 4 km/h da SW
Umidità: 93%
Visibilità: 13 km
Precipitazione: 4.0 mm
Pressione: 1010 mb
% nuvole: 81%
vai a worldweatheronline.com
statistiche