Viaggi bici in solitaria

La fine del mio viaggio - giorno 966
Martedi, 24 Settembre 2013

Purtroppo il giorno piú brutto del mio viaggio é arrivato.

Il 19 Settembre 2013, alle 13:00, avevo appena finito di pranzare in un piccolo villaggio chiamato San José de Gracia, nello stato di Oaxaca; la meta della giornata era raggiungere la cittadina di Mitla, con le sue belle rovine.

Lasciato il villaggio inizio a percorrere la salita e mi accorgo che al lato della strada é ferma una macchina con il cofano aperto. Accanto all'auto sta trafficando l'uomo, mentre la donna si trova in mezzo alla strada, io penso per cercare aiuto.

Al momento non ho sentore del pericolo, la donna si avvicina dicendomi qualcosa e nel giro di pochi secondi li ho addosso entrambi con 2 machete lunghi 50cm puntati allo stomaco e al costato.

Minacciandomi di morte mi obbligano a percorrere un sentiero laterale alla strada dove, ben nascosti alla vista degli altri veicoli che sarebbero passati, iniziano ad aprirmi le borse con i machete e a gridarmi dove tenevo le cose di valore: "Dov'é la macchina fotografica?...i soldi dove sono?...Questo cos'é e quanto vale?...rapido rapido!"

Dopo avermi preso il borsello con soldi (pochi), carte di credito e documenti, mi obbligano a a togliermi le scarpe con i calzini e addirittura gli occhiali.

Successivamente mi dicono di scendere per il pendio al lato della strada, in mezzo a arbusti e cespugli. Il posto é pieno di spine e spazzatura e quindi mi taglio il piede sinistro in diversi punti, perdendo sangue; nel frattempo i due malviventi prendono la loro auto e fuggono.

Aspetto qualche minuto, non si sa mai che sia una trappola e che mi stiano aspettando. Mi arrampico sul pendio verso la strada asfaltata, ho diverse difficoltá a fermare un mezzo, perché molti tirano dritto, forse spaventati.

Quando un veicolo si ferma riesco a farmi portare a San José de Gracia, solo 1km piú in basso.

In questo villaggio non c'é polizia, quindi la prima cosa a cui penso é farmi curare il piede. La gente qui non é molto collaborativa, chiedo aiuto per farmi portare al centro medico, ma sembra che stia chiedendo qualcosa di eccessivo.

Dopo quasi 1 ora riesco a trovare una signora che mi pulisce le ferite al piede...fortunatamente non ho bisogno di punti di sutura.

Non essendoci polizia, penso che sia meglio raggiungere Oaxaca, la cittá piú grande dell'omonimo stato, peró non ho soldi.

Una famiglia del posto di buon cuore mi regala 100 pesos per il viaggio in bus (circa 6 euro).

Giunto a Oaxaca alle 20:30 mi fermo a dormire nella stazione dei bus (non potevo cercare un posto migliore, di notte e per giunta senza soldi)

La mattina successiva raduno l'equipaggiamento rimasto (non vi ho detto che dalla prima rapina mi era rimasta la bici e parte dell'equipaggiamento) vicino alla fila di sedie.

Dovuto allo stress di dover cercare aiuto, il non avere soldi e dover pagare qualsiasi cosa (per andare al bagno, per collegarsi ad internet da un internet point, per custodire le borse), lascio incustodite bici e borse mentre riesco a farmi regalare 30 minuti di connessione a internet.

Mentre mi collegavo a facebook, chiedendo aiuto, mi rubano il resto dell'equipaggiamento, bici, alcune borse con dentro il portatile che usavo per lavorare, il disco esterno di backup con i file originali delle foto, ricordi di viaggio, ecc.).

Disperato chiedo alle persone attorno se hanno visto qualcosa, ma nessun ovviamente ha visto nulla, anzi mi rinfacciano quasi prendendomi in giro che avrei dovuto provvedere alle mie cose, non a lasciarle li. Ovviamente su questo hanno ragione, ma avrei voluto vedere loro al mio posto, da solo, senza soldi, senza nessuno che volesse aiutarmi...ognuno facendosi i cazzi propri.

Alla fine riesco a trovare qualcuno che mi aiuti, un'amica di un'amica di Willy Mulonia, un grande ex-cicloviaggiatore di Brescia.

Ora mi trovo a Oaxaca ed ho deciso che per me sia meglio tornare in Italia.
In questi giorni hanno cercato di convicermi a continuare il viaggio...avrei ricevuto un pacco con pezzi d'equipaggiamento e forse una bici, peró per come intendo io il viaggio preferisco fermarmi qui, recuperare il materiale perduto secondo i miei gusti (per esempio non mi piace viaggiare senza documentarlo con fotografie, video e poi elaborare il tutto sul mio portatile) e riprendere il viaggio in futuro.

Questo viaggio finisce quindi in Messico, dopo 966 giorni di viaggio, 14 paesi visitati, 29846km percorsi.

In futuro penso che potró viaggiare di nuovo in America, magari partendo da Oaxaca e raggiungendo l'Alaska.

aggiungi un commento | vai ai commenti (87)
Raggiungo San Cristobal de las Casas - giorno 945
da Oxchuc a San Cristobal de las Casas - Martedi, 03 Settembre 2013
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
54 km
10:41 - 17:53
4 h 39 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

14° min - 24° max.
11.6 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
913 mt
2463 mt
asfalto

La mattina ritardo di qualche ora la mia partenza per far aggiustare la ruota posteriore, bucata e con un raggio rotto. Successivamente riprendo la marcia per San Cristobal de las Casas.

Nei pressi di Huixtán, un paesino indigeno questa volta di etnia tzotzil, mi fermo a mangiare un gustosissimo pollo en mole (il mole è una salsa tipica messicana a base di noci, peperoncino e spezie).

Poco oltre devo affrontare una protesta degli indigeni di Huixtán, che da oltre 24 ore stanno bloccando la strada per protestare contro il governo, che a quanto pare gli deve parecchi soldi!
Essendo in bici non ho problemi a passare, ma non sono così fortunati tutti gli altri che viaggiano in auto, ormai bloccati da 1 giorno.

Dopo aver superato i 2463 mt di quota, il punto più alto fino ad ora in Messico, raggiungo la città coloniale di San Cristobal de las Casas e trovo alloggio presso la casa di Oscar, un amico conosciuto tramite la rete sociale di Warmshowers.org

Strada per San Cristobal de las Casas Una protesta degli indigeni totzil di Huixtan Bel gazebo in Huixtan Piazza di Huixtan Huixtan Paesaggio verso Huixtan Chiesa di Oxchuc (2) Chiesa di Oxchuc
aggiungi un commento | vai ai commenti (12)
Riprendo la marcia per San Cristobal de las Casas - giorno 944
da Ocosingo a Oxchuc - Lunedi, 02 Settembre 2013
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
48 km
08:21 - 16:32
5 h 29 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

20° min - 33° max.
8.7 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
1204 mt
2012 mt
asfalto

Dopo Ocosingo, in direzione San Cristobal de las Casas, la strada inizia a risalire di molto.
Avrei voluto raggiungere San Cristobal in serata, ma il tempo è bruttissimo, piove ininterrottamente e non ho più un vestito asciutto.

Raggiunta la cittadina indigena tzeltal di Oxchuc, decido di cercare un hotel super economico (lo trovo per 60 pesos, poco più di 3 euro), dove poter farmi una doccia calda e cercare di asciugare i vestiti bagnati.

Cascata verso Oxchuc
aggiungi un commento | vai ai commenti (3)
Raggiungo Ocosingo e visito le rovine di Toniná - giorno 943
da Villaggio prima di Temo a Ocosingo - Domenica, 01 Settembre 2013
Distanza:
Orario:
Sulla bici:
66 km
09:31 - 19:27
5 h 39 m
Meteo:
Temperatura:
Velocità media:

20° min - 33° max.
11.6 km/h
Dislivello:
Altitudine max:
Terreno:
1008 mt
1187 mt
asfalto

La mattina percorro i 35 km che mi rimangono per raggiungere Ocosingo, un animato centro sede di un mercato che serve la vasta regione circostante.
Da qui decido di deviare ad est per visitare le rovine di Toniná, anche se la giornata è davvero brutta e non posso godere appieno del paesaggio.

L'importante centro cerimoniale di Toniná racchiude uno dei più maestosi complessi di templi del mondo maya. E' questa la città che mise in ginocchio Palenque.
I regnanti di Toniná erano ambiziosi e di natura bellicosa e reclamaronola supremazia su diverse regioni circostanti. Qui vennero catturati molti regnanti di Palenque e di altre città maya, destinati a fruttare lucrosi riscatti o a essere decapitati.

La struttura attuale consta di una serie di piattaforme ricavate da terrazze scavate sul fianco della collina, che si innalzano fino a 80 mt sopra la Gran Plaza.
Su ogni livello vennero costruite palazzi amministrativi e templi religiosi.
Tra questi è possibile osservare la scultura più straordinaria di Toniná, il Mural de las Cuatro Eras (Murale delle Quattro Ere), stucchi in rilievo realizzati tra il 790 d.C. e l'840 d.C., che rappresentano prigionieri decapitati, scheletri che danzano e signori degli inferi.

Il più alto dei templi posto sul livello più elevato, il Templo de Espejo Humeante (Tempio dello Specchio Fumante), fu fatto costruire da Zots-Choj, che salì al trono nell'842 d.C.

Dopo aver visitato le rovine ritorno a Ocosingo e riesco a farmi dare il permesso per montare la tenda nel vicino distributore di benzina Pemex.

Una stele in Toninà Toninà (7) Toninà (6) Toninà (5) Toninà (4) Toninà (3) Uno scheletro sogghignante La raffigurazione di un uomo decapitato Scalinate in Toninà Vista del tempio più alto di Toninà, a 80mt Unità abitative Le strutture di Toninà Toninà (2) Toninà Fregio nel campo da gioco della palla di Toninà Intravedo le rovine di Toninà Paesaggio verso le rovine di Toninà La bella chiesa di Ocosingo Ocosingo Scuola zapatista
aggiungi un commento | vai ai commenti (1)
Giorno n°
Paese
Stato
Località
Pros. tappa
Dist. totale
#966
Messico
Oaxaca
Oaxaca
Italia
29309 km
flickr mappa live google mappa live
immagine meteo
16° C
San Cristobal De Las Casas,Mexico
01.06.2017 - 03:46 AM
Vento: 4 km/h da SW
Umidità: 93%
Visibilità: 13 km
Precipitazione: 4.0 mm
Pressione: 1010 mb
% nuvole: 81%
vai a worldweatheronline.com
statistiche